domoripag04

La filosofia di Domori è basata sulla ricerca della qualità, un vero e proprio viaggio all’insegna della passione per la ricerca di aromi perfetti, simbolo di qualità assoluta. Domori ha esplorato gli angoli più remoti del mondo e, in Venezuela, ha incontrato il compagno di viaggio ideale, il cacao fine più raro e puro in assoluto, lo 0,001% del cacao mondiale, il Criollo.

Coltiva con cura le sue preziose e delicatissime piante e lavora il suo frutto con procedimenti mirati alla tutela dell’aroma naturale delle fave di cacao, per regalare sapori unici e sensazioni indimenticabili.

Per permettere a tutti gli estimatori del cacao nel mondo di conoscere, gustare e riconoscere questo pregiato cacao fine, Domori ha identificato per prima le caratteristiche proprie di un cioccolato d’eccellenza. Aromaticità, rotondità, purezza e persistenza sono le fondamenta, ma anche i termini di paragone, che hanno permesso di riscoprire e recuperare solo le migliori piantagioni.

La piantagione Domori di cacao Criollo è un patrimonio per il futuro del cacao. Nel 2002 Domori ha investito nell’Hacienda San José e ha riportato alla luce sei diversi tipi di cacao Criollo, facendone un patrimonio universale unico per la sua biodiversità. L’hacienda San José, nella regione venezuelana di Paria, è il cuore della filiera produttiva Domori. La piantagione è più di una semplice tenuta, è un vero e proprio patrimonio internazionale della cultura del cacao. È il più importante centro al mondo per il recupero della biodiversità del cacao Criollo. Da lì, dal cuore della foresta pluviale, proviene la maggior parte del cacao utilizzato da Domori ed è da lì che ha origine il sogno di creare e diffondere il cioccolato più prezioso di tutti.

La lavorazione è altrettanto curata. Nel processo produttivo a basso impatto sul cacao, la materia prima infatti non basta. In ogni fase della produzione si mira a conservare le naturali note aromatiche presenti nelle migliori fave selezionate. Ecco perché il cioccolato Domori mantiene intatta la naturale essenza del cacao. Le fasi di stoccaggio, pulizia, tostatura e frangitura vengono svolte da macchine che utilizzano tecnologie e metodi innovativi e ad impatto sostenibile. Un esempio è dato dalla fase della tostatura, eseguita a basse temperature per proteggere ed esaltare le straordinarie note aromatiche dei cacao fini senza perdere le loro caratteristiche organolettiche. I capisaldi della produzione sono:

  • tostatura a temperature gentili
  •  concaggio breve
  •  formula corta: pasta di cacao e zucchero